Sei in » Cronaca
14/03/2017 | 18:45

I militari hanno potuto accertare come gran parte delle opere realizzate presso la struttura in oggetto fossero state compiute prive delle necessarie autorizzazioni ovvero in difformità alle stesse.


L'area pinetata posta sotto sequestro


Gallipoli. Nella giornata di ieri i militari della Guardia Costiera di Gallipoli hanno proceduto al sequestro di parte di una struttura turistico-ricettiva in località Padula Bianca, nel Comune di Gallipoli.
  
Dallo studio dei documenti e delle autorizzazioni acquisite agli atti e con il supporto dell’Ufficio Tecnico del Comune di Gallipoli, i militari hanno potuto accertare come gran parte delle opere realizzate presso la struttura in oggetto fossero state compiute prive delle necessarie autorizzazioni ovvero in difformità alle stesse.
  
In particolare sotto sequestro è finita una veranda coperta adiacente alla struttura ricettiva di circa 160 mq, indebitamente chiusa tramite porte scorrevoli in alluminio; un’area pinetata adibita a parcheggio coperto realizzata mediante pali in legno e intelaiature metalliche per una superficie di circa 400 mq, il tutto realizzato in una zona sottoposta a particolari vincoli paesaggistici.
  
I militari hanno accertato inoltre la realizzazione di quattro verande occupanti un’area di quasi 81 mq a servizio di alcuni locali di pertinenza della struttura ricettiva e prive di qualsivoglia titolo autorizzativo.
  
Le ipotesi al vaglio degli investigatori variano dalla realizzazione di opere in assenza o difformità del permesso a costruire ed in zone sottoposte a vincolo paesaggistico, a distruzione e deturpamento di bellezze naturali.
  
Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente le strutture sono state poste sotto sequestro e il responsabile è stato denunciato.
  
Quello di ieri è solo l’ultimo dei controlli che ha visto come teatro quel tratto di mare poco a nord della Città Bella e che ha portato al sequestro di altre strutture realizzate in assenza delle autorizzazioni previste.
 





La veranda posta sotto sequestro
Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |